Accedi al sito
Serve aiuto?

Bonus casa, cosa è previsto per il 2018?

Bonus casa 2018, le prime anticipazioni su come saranno ampliate le agevolazioni nella prossima legge di Bilancio per iniziare la trasformazione del “bonus casa” in “bonus città”

 

In questi oggi il Governo sta lavorando per decidere se nella prossima legge di bilancio il bonus casa verrà confermato ed ampliato per il 2018.

Ricordiamo che il bonus casa riguarda le seguenti  agevolazioni:

  • detrazione 50% per interventi di ristrutturazione fino 96.000 euro di spesa (sia per le singole abitazioni sia i lavori in condominio, manutenzione ordinaria compresa)
  • ecobonus 65% per interventi di efficienza energetica
  • detrazione 50% Iva pagata per acquisti dal costruttore di case in classe A o B
  • cedolare secca al 10% sugli affitti a canone concordato

Bonus ristrutturazione, ecobonus e sismabonus

Nel caso in cui si deciderà di prorogare l’attuale bonus ristrutturazione, la percentuale di detrazione resterà fissata nella misura pari al 50% delle spese sostenute per lavori eseguiti sulla casa.

In caso contrario, dal 1° gennaio 2018 l’agevolazione scenderà al 36%, con importo massimo di spesa ammessa al beneficio che passerà dall’attuale 96.000 a 48.000 euro per unità immobiliare. Non cambierebbe, invece, il metodo di erogazione della detrazione lavori: 10 quote annuali di pari importo.

I lavori per cui spetterà l’agevolazione saranno quelli di:

  • manutenzione ordinaria solo su parti comuni di edifici residenziali
  • manutenzione straordinaria sia su singoli appartamenti che su parti comuni di condomini
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia

A differenza del bonus ristrutturazioni, le detrazioni per lavori di riqualificazione energetica in parti comuni del condominio e il sisma bonus sono confermate fino al 31 dicembre 2021.

Bonus casa 2018: come saranno ampliate le agevolazioni

Il bonus casa per i lavori edili sarà con tutta probabilità confermato dalla prossima legge di bilancio e non solo, ma anche potenziato per iniziare la trasformazione del bonus casa in “bonus città“.

L’obiettivo di Palazzo Chigi è l’estensione del bonus casa in varie direzioni: il rafforzamento delle misure per la riqualificazione, la messa in sicurezza e il risparmio energetico del patrimonio edilizio.

In particolare, si parla di:

  • estensione del bonus 50% agli interventi di verde urbano finanziati da privati
  • potenziamento del bonus 50% in chiave condominiale per favorire il rifacimento delle facciate dei palazzi
  • estensione dell’ecobonus a lavori su giardini condominiali e balconi nonché alla rimozione dell’amianto sui tetti
  • allargamento dell’ecobonus e del sismabonus all’edilizia popolare
  • estensione anche per i capannoni delle imprese di usufruire del sismabonus
  • possibilità di legare la percentuale di detrazione dell’ecobonus agli obiettivi di risparmio energetico raggiunti

Nei prossimi giorni avremo informazioni più dettagliate.

BibLus-Net
Data: 29-09-2017
« Indietro